Gambe pesanti e circolazione – rimedi naturali

scritto da semidiluna nel mese di luglio 11, 2016 in consigli di salute e benessere e fitoterapici con nessun commento

gambe-pesanti-rimedi-712215_w650

Rimettiamo in forma le nostre gambe!

Molte persone, soprattuto coloro che sono costrette a stare in piedi per molte ore consecutive, lamentano una sensazione di pesantezza, di stanchezza e di indolenzimento localizzata a livello delle caviglie e delle gambe. Questa fastidiosa sensazione è dovuta ad un problema di ristagno di liquidi a livello degli arti inferiori provocato da un’alterata microcircolaizone. Con l’estate e l’arrivo del caldo, la situazione peggiora, si crea una maggiore vasodilatazione e le nostre gambe risultano più gonfie e doloranti del solito, vediamo quali piante e integratori ci possono venire in aiuto.

Come funziona il nostro sistema circolatorio?

Il sistema microcircolatorio è composto essenzialemente dai capillari, attraverso questi piccoli vasi fuoriescono i liquidi che portano  nutrimento ed ossigeno alle cellule dei vari tessuti e vengono riassorbiti liquidi e sostanze di scarto per esser allontanate ed eliminate.

Un’alterata permeabilità dei capillari porta ad un’eccessiva fuoriuscita di liquidi che si accumulano e non riescono più ad essere drenati. In questa situazione le scorie tossiche derivanti dal normale metabolismo cellulare non riescono ad essere eliminate e si accumulano nei tessuti. Tutto ciò causa una situazione di sofferenza cellulare che si manifesta con le fastidiose sensazioni di pesantezza ed indolenzimento.

  • L’apparato circolatorio è quello che collega tutti gli altri apparati e riguarda ogni parte di esse. E’ un sistema di trasporto del sangue. La vitalità e il tono di tutto l’apparato circolatorio sono fondamentali per la vita e per l’integrazione di tutte queste parti. Se vi è presente debolezza o congestione, vi saranno profondi effetti sui tessuti e sugli organi coinvolti. Il sangue può essere in perfette condizioni, ma se questo sangue non viene fornito agli organi in modo adeguato, sorgeranno problemi. Allo stesso modo, se gli elementi tossici prodotti nel processo metabolico non vengono rimossi opportunamente il tessuto risulterà rapidamente danneggiato. La caratteristica delle arterie è di essere elastiche e contrattili, l’elasticità permette (specie nei grossi vasi) il deflusso continuo di sangue, mentre la contrattilità (soprattutto delle arterie periferiche) sospinge il sangue nei capillari. La contrattilità delle arterie è regolata da nervi del sistema autonomo. La pressione del sangue delle arterie è in rapporto al lavoro del cuore e alla resistenza dei vasi periferici: arterie e capillari. Le vene hanno una struttura più semplice che quell’arteriosa. Le vene hanno in più le valvole che ostacolano il reflusso del sangue
  • Il sistema linfatico è un sistema che scorre parallelo alla nostra circolazione sanguigna. E’ costituito da una serie di canali, il cuoi compito è di riportare il fluido intercellulare e intracellulare alla corrente sanguigna da cui proviene. In questo lavoro,  apparentemente passivo, vi è tuttavia un processo vitale. E’ attraverso il drenaggio linfatico delle cellule, dei tessuti e degli organi che si verifica in gran parte il processo di depurazione. Un flusso corretto e la funzionalità del sistema linfatico sono perciò vitali per il funzionamento del nostro organismo . Inoltre il sistema linfatico ha un’azione importante sul nostro sistema immunitario, in quanto  delle ghiandole linfatiche specializzate, svolgono un’azione antimicrobica, fagocitando sostanze estranee nel nostro organismo

I disturbi circolatori possono avere diverse cause

  • fattori ormonali. Idisturbi circolatori sono problemi soprattutto femminili, dovuto soprattutto ad una predisposizione del’alterazione del circolo venoso dato da un sistema ormonale diverso da quello maschile.Infatti, gli ormoni estrogeni, favoriscono la ritenzione dei liquidi, mentre il progesterone stimola il rilassamento dei vasi che perdono elasticità e tendono a dilatarsi.
  • fattori genetici
  • vita sedentaria o donne che rimangono molto tempo in piedi
  • alimentazione non adeguata ( carenza di antiossidanti, minerali, oligoelementi, eccesso di grassi..)
  • tabacco e alcool
  • alcuni farmaci possono indurre edema nelle gambe (uso di contraccettivi ormonali, terapia sostitutiva ormonale..)
  • stress. Vi è una stretta relazione tra il livello di stress della nostra vita e l’insorgere di problemi di salute, ed in particolare quello del sistema cardiovascolare. Si è visto che l’organismo per difendersi dallo stress produce sostanze specifiche (cortisolo, adrenalina..) , influenzando così il nostro sistema linfatico.

vite-rossa_2764159380

I rimedi vascolari si possono dividere in 4 gruppi

  1. vasocostrittori. I rimedi vasocostrittori producono un restringimento del lume vasale, restringimento che porta come conseguenza un aumento della pressione arteriosa. Le piante che hanno un’azione vasocostrittrice sono: rusco, centella, amamelide, achillea.
  2. vasodilatatori. i rimedi vasodilatoatroi agiscono sia direttamente sui vasi, sia sul sistema nervoso centrale, influenzando i centri bulbari e midollari. Le piante medicinali che hanno un’azione vasodilatatrice sono: biancospino, aglio, olivo, vischio.
  3. modificatori della circolazione venosa. La circolazione venosa si compie soprattutto in funzione del residuo di forza impulsiva del cuore che, dopo aver sospinto nelle arterie il sangue, permette a questo, una volta superata la barriera capillare, di proseguire nella sua corsa grazie alla “vis a tergo” che ancora riceve.accando a questo meccanismo principale, vi sono meccanismi accessori che favoriscono la circolazione venosa, l’aspirazione toracica, l’aspirazione distolica, la spinta addominale, le contrazioni muscolari, i battiti delle arterie. Le vene hanno tuniche molto sottili, perciò ove avvengua un rallentamento della circolazione venosa per cause spesso tra loro molto differenti , ne consegue una stasi periferica che porta ad allo sfiancamento delle vene con formazioni di varici o emorroidi secondo la zona colpita. I modificatori della circolazione venosa agiscono quindi come tonici e decongestionanti, la loro azione si esercita anche sulla circolazione periferica modificando il tono dei capillari, e impedendo la stasi venosa. Le piante medicinali capaci di modificare la circolazione venosa sono: ippocastano, cipresso, amamelide, cardo mariano. Anche le piante che hanno un’azione vasoprotettiva, proteggono i vasi dalle alterazioni della permeabilità, della resistenza della fragilità capillare. Le più importanti sono: ippocastano, mirtillo nero, ribes nero.
  4. Diuretici. Quando vi è un notevole gonfiore agli arti inferiori, con edema localizzato caviglie, gamba, è bene prendere in considerazione anche delle piante diuretiche , che aiutano a drenare ed ad eliminare i liquidi in eccesso. Piante diuretiche sono: gramigna, uva ursina, tarassaco, betulla, ortica, pilosella, ortosiphon..

Rusco-copyPiante utili per aiutare il nostro sistema circolatorio.

  • Ippocastano. Per chi soffre di edema e forte gonfiore delle caviglie è utile anche per contrastare le emorroidi (altro non è che una vasodilatazione di una varice). E’ una pianta ad azione vasoprotettrice, antinfiammatoria e antiedemigena, inoltre aiuta ad aumentare la resistenza capillare e migliorare il drenaggio linfatico in modo tale da ridurre gonfiore ed edema.
  • Rusco, contiene saponine , ha un’azione vasocostrittrice ed è un buon aiuto per cercare di ridurre la vasodilatazione e l’infiammazione. Ha anche un’altra funzione molto importante : inibisce l’elastasi, enzima coinvolto nella degradazione del tessuto venoso.
  • Centella Asiatica, è una pianta acquatica con foglie rotonde che ha proprietà flebotoniche ed eudermiche. Studi recenti hanno dimostrato che è utile per stimolare la produzione di fibre collagene nel connettivo sottocutaneo. Viene utilizzata nell’edema da insufficienza venosa.
  • Ginko Biloba. Viene spesso utilizzato nei disturbi del microcircolo per la sua capacità di aumentare la fluidità del sangue, poiché contiene ginkgolidi che sono diterpeni in grado, secondo gli ultimi studi effettuati sulla pianta, di inibire il fattore di aggregazione piastrinica.
  • Amamelide, Viter Rossa e Achillea.
  • Betulla e Pilosella: come drenanti e diuretici.

Hippocastanum

Gemmoterapici utili

  • Aesculus hippocastanum. Ippocastano ricco in saponine, ha uno spiccato tropismo per i vasi venosi e sono il rimedio specifico per la stasi e congestione venosa. L’ippocastano ha un’azione : vasoprotettore flebotonico e decongestionante venoso. Indicato soprattutto per un soggetto astenico, sedentario, lento , che soffre di congestione venosa alla piccola pelvi (emorroidi, prostata, utero). Indicato per : varici pelviche, trombosi emorroidaria , fragilità capoillare, geloni.
  • Alnus glutinosa. L’Ontano nero è ricchissimo in tannini, utile come diuretico, anti-dolorifico, anti-infiammatorio e astringente. Possiede uno spiccato organotropismo per il sistema vascolare arterioso, diretta soprattutto alle pareti dei vasi arteriosi del cervello e del cuore (coronariche) nelle quali determina effetto antiflogistico, antitrombotico e tonificante).Indicato per edemi arti inferiori.
  • Castanea vesca.  Il Castagno contiene alti valori di potassio, vitamine PP, C, potassio, magnesio, E, ferro, calcio, tannini..Possiede uno spiccato tropismo per i vasi linfatici, riducendone i fenomeni d congestione ed ingorgo linfatico degli arti inferiori. Ottimo quindi come drenante linfatico nelle vasculopatie e negli edemi degli arti inferiori. Inoltre: fragilità capillare, cellulite, crampi al polpaccio, stasi linfatica arti inferiori ed edemi di varia natura.Ottima associazione è con Sorbus Domestica.
  • Sorbus Domestica. Elevata concentrazione di tannini ad azione cicatrizzante e leggermente antisettica. Ha un’azione sul tropismo metabolico proteico, lipidico e sulla coagulazione, tende a correggere ggli stati ipercoagulativi. Sindrome da insufficienza venosa: edemi, varicosità, senso di peso agli arti inferiori (insieme a Castanea Vesca). Inoltre utile per: ulcere varicose, emorroidi, disturbi circolatori da climaterio ( vampate di calore, alterazione pressione sanguigna), acufeni.
  • Betulla Pubescens (linfa). La Betulla stimola tutti i catabolismi: acido urico, urea, colesterolo, agnedo sulle funzioni detossificanti dle fegato mediante attivazione macrofagica. E’ un eccellente drenante dei tessuti infiltrati da eccesso di scorie metaboliche, diuretico, oliguria, gotta.

NP-C500-rosa-canina-copy-300x300Integratori utili

  • OPC (estratto da semi di uva rossa), azione vasoprotettrice, stimola la riparazione cellulare, favorisce la diminuizione della parete vasale, aumentando la resistenza capillare. Diminuisce edema e migliora la circolazione. Utile in caso di : insufficienza venosa, fragilità capillare, stati edematosi, prevenzione cardiovascolare.
  • Bioflavonoidi. Per rinforzare la parete dei nostri capillari, ed avere un contenimento del sangue , sono molto utili i bioflavonoidi che agiscono ripristinando la funzionalità del microcircolo e combattendo la rottura di piccoli capillari, vene varicose, emorroidi.
  • vitamina C. Utile in caso di : protezione malattie cardiovascolare, stress
  • Alga Kelp. L’alto contenuto di minerali e oligoelementi sono importanti per dare tono alle parete dei vasi sanguigni, rendendoli più resistenti.
  • Equiseto e Ortica. Importanti per l’apporto di sali minerali .

        

succo-di-frutta

Alimentazione e circolazione

Quando si hanno problemi circolatori, si avverte da subito una pesantentezza alle gambe, formicolio, dolori, gonfiori ed edema dalla caviglia a tutta la gamba. Il problema può essere di varia entità da semplici alterazioni circolatori (capillari visibili, edema..) , fino a patologie più importanti come vene varicose o ulcerazioni. Per dare una risposta positiva  , possiamo intervenire sulla circolazione in diversi modi , sia  cambiando alcune abitudini di vita errate ed inoltre utilizzando i rimedi che la medicina naturale ci propone.

Consigli utili da seguire per aiutare a migliorare la nostra circolazione

  • seguire una dieta equilibrata ricca di frutta e verdura e povera di sale e bere molta acqua.
  • mantenere il peso forma
  • attenzione all’abbigliamento ( tacchi molto alti per periodi prolungati, indossare indumenti che provocano costrizione agli arti inferiori)
  • evitare di rimanere in piedi per lunghi periodi
  • eliminare alcol e fumo
  • praticare attività sportiva come nuoto, bicicletta, ginnastica dolce, yoga..
  • dopo una giornata di lavoro fare una doccia alle gambe con acqua fredda e poi sdraiarsi tenendo le gambe sollevate per alcuni minuti, mettendo poi un gel defaticante.

olio-essenziale-limone

Aromaterapia e circolazione

Per dare un sollievo alle gambe gonfie e doloranti, si possono creare degli ottimi oli da massaggio o ancora meglio gel da applicare dalla caviglia (intorno al malleolo) fino su alla gamba , in modo da drenare ed aiutare a riattivare la circolaizone. Vediamo quali oli essenziali ci possono essere d’aiuto:

Circolazione linfatica: Cedro, Ginepro, Lentisco

  • Olio essenziale di CEDRO. Proprietà: rigenerante arterioso, lipolitico, calmante, tonico del sistema linfatico. Indicato per cellulite, edemi, ansia, insonnia.
  • Olio essenziale di GINEPRO. Proprietà: diuretico, antidolorifico, anticatarrale. Indicato per: edemi, stasi linfatica, reumatismi, bronchiti.
  • Olio essenziale di LENTISCO (Pistacia lentiscus – Mastice).  E’ antinfiammatorio, favorisce la guarigione delle ferite, rinforza le pareti venose,capillari dilatati, emorroidi, disinfetta. E’ un efficace drenante per il sistema linfatioco.

Circolazione venosa: cipresso, limone, achillea, amyris

  • Olio essenziale di Cipresso. Proprietà: decongestionante venoso e linfatico, stimolante, disinfettante, antimicotico, decongestionante pelvico. Indicato per: insuficienza pancreatica, emorroidi, varici e fragilità capillare.
  • Olio essenziale di LIMONE. Proprietà: antisettico, antireumatico, battericida. Indicato: insufficienza epatica, venosa e digestiva, flebite, malattie infettive, stimola il sistema immunitario.
  • Olio essenziale di ACHILLEA MILLEFOGLIE. Proprietà: antinfiammatorio, antispasmodico, cicatrizzante, antiemorragico, tonico dei vasi sanguigni, depurativo del sangue. Indicato per: debolezza renale, disturbi della menopausa, emorroidi, oligomenorrea.
  • Olio essenziale di AMYRIS balsamifera. Decongestionante linfatico e venoso. Indicato per emorroidi, varici, vene varicose, capillari fragili, gambe gonfie e pesanti.

Altri oli essenziali utili:

  • Olio essenziale di MENTA PIPERITA. La menta è un essenza da utilizzare soprattutto d’estate, per contrastare la pesantezzaa delle nostre gambe rendendole più fresche e leggere. Proprietà: antinfiammatoria, stimolante del sistema circolatorio e digestivo. Indicato: reumatismo, nevralgia, favorisce la memoria.
  • Olio essenziale di POMPELMO. Migliora l’irrogazione sanguigna, cellulite, brucia i grassi durante la dieta ed è un olio rinfrescante. Ha un’azione euforizzante e tranquillizzante, per tanto è indicato per chi soffre di depressione, stress, paura e stati di ansia, perchè trasmette gioia di vivere.

Come preparare un olio da massaggio o gel per la circolazione?

olio di cipresso

E’ bene sempre identificare gli oli essenziali utili al nostro caso e poi scegliere un olio vettore ( olio di mandorla, sesamo, jojoba, betulla..). Gli oli essenziali vanno sempre diluiti in un olio vettore o gel d’ALoe.

Il rapporto da seguire per la preparazione di un gel o olio da massaggio è la seguente:

  • 100ml di olio vegetale o gel d’ Aloe  + 20-30 gtt di olio essenziale.

Ecco una esempio semplice fai-da-te di

Olio drenante, rinfrescante”

  • olio di sesamo                                          100 ml
  • olio essenziale di cipresso                       10 gtt
  • olio essenziale di cedro                              5 gtt
  • olio essenziale di ginepro                          5 gtt
  • olio essenziale di menta                            5 gtt

Fare anche bagni di acqua tiepida con essenze riattivanti (rosmarino, ginepro, limone…) alternando getti di acqua fredda. Servirà a riattivare per bene la circolazione e dare sollievo alle gambe stanche.

N.B. Gli oli essenziali sono molto potenti e vanno utilizzati con buon senso, farsi consigliare sempre da un erborista di fiducia, soprattutto per la percentuale di essenze da utilizzare . Leggere sempre attentamente le controindicazioni degli oli essenziali , soprattutto quando si fa uso di farmaci.

In erboristeria prepariamo OLI DA MASSAGGIO personalizzati!

Vai in erboristeria Semi di Luna SHOP!!

Mirtillo-Frutto-copy     olio vene capillari - argital