Equiseto -coda cavallina

scritto da semidiluna nel mese di ottobre 29, 2017 in antiossidanti e antiage e consigli di salute e benessere e erbario con nessun commento

pianta1

L’EQUISETO -la pianta amica delle donne

L’Equiseto o Coda Cavallina, è una pianta conosciuta e utilizzata fin dall’antichità, che deve il nome alla caratteristica forma a coda di cavallo che assume durante l’estate. L’equiseto viene usato da molto tempo per la cura dei dolori alle articolazioni. Nell’Antica Cina l’erba veniva usata per curare l’artrite, e la cura è ancora valida e viene confermata dal suo alto contenuto in silicio. Inoltre viene utilizzato anche come diuretico, perchè stimola l’urinazione.

Azioni benefiche dell’Equiseto

L’equiseto  è noto soprattutto per le sue proprietà antinfiammatorie, antibatteriche, antimicrobiche e antiossidanti. Svolge inoltre un’attività diuretica e astringente. Nel corso del tempo è stato utilizzato per il trattamento di numerosi disturbi, comprese gengiviti, infiammazioni delle mucose della bocca, tonsillite, acne, herpes labiale, infiammazione della pelle e problemi reumatici.

E’ considerato particolarmente utile per la cura dei disturbi che interessano l’apparato urinario, che possono comprendere problemi alla vescica e formazione di calcoli renali. Può essere utile anche in caso di ossa fragili, fratture, sanguinamento dal naso, emorroidi e crampi muscolari. Inoltre, l’equiseto contribuisce a rafforzare il sistema immunitario. Può aiutare a fortificare i capelli e a prevenirne la caduta. E’ utile anche in caso di unghie fragili per via delle sue proprietà rimineralizzanti. Queste azioni sono date dall’alto contenuto in silicio che l’Equiseto presente, aiutando a prevenire la demineralizzazione delle ossa.Gli esperti sottolineano in proposito soprattutto che l’aumento di acidità a livello dell’organismo provocato dalla digestione di proteine di origine animale può causare la perdita di calcio da parte delle ossa. L’equiseto potrebbe rappresentare un rimedio naturale utile per la prevenzione dell’osteoporosi. Quindi  il silicio partecipa ai processi di calcificazione dll’osso, favorendo il deposito di calcio. Inoltre inteviene nella formazione del tessuto connettivo, facilitando la formazione del legame tra proteine e mucopolisaccaridi, contribuendo a mantenere integre le cartilagini articolari e pareti vasali. Favorisce la riparazione osssea e al captazione di altri minerali nelle ossa.

Grazie alle proprietà diuretica può essere utile negli stati edematosi, nella stimolazione della diuresi e in caso di affezioni batteriche e stati infiammatori delle vie urinari.

equiseto-3

Il SILICIO presente nell’equiseto, sotto forma di acido silicico, è idrosolubile, mentre nelle altre piante non è biodisponibile e viene eliminato dalle feci.

  • RIMINERALIZZANTI: la silice rientra nel meccanismo di assorbimento del calcio, per questo motivo la supplementazione di equiseto è consigliata nei casi di osteoporosi e di remineralizzazione ossea dopo fratture e interventi, in particolare nelle alterazioni quantitative della massa ossea. Il silicio interviene nello sviluppo del tessuto connettivo e nella bioisintesi del collagene, contribuendo al mantenimento della salute delle  cartilagine articolare,
  • l’Equiseto è anche ricco di carbonato di calcio, solfato di potassio, magnesio , ferro e manganese. in esperimenti in vivo il silicio ha dimostrato di svolgere un ruolo determinante nel meccanismo di calcificazione dell’osso. in uno studio italiano in doppio cieco randomizzato è  stato osservato il miglioramento del metabolismo dell’osso, oltre a quello di parametri importanti, quali la densitometria ossea a doppio raggio. Nell’osteroporosi la caduta del tasso ematico di silcio è maggior eid quella di minerali quali calcio, fosforo, fluoro e magnesio. In esperimenti in vivo sonostati rilevati effetti positivi sulla crescita dei denti e delle ossa lunghe.
  • DIURETICHE e DISTURBI del TRATTO URINARIO. L’attività diuretica dell’equiseto si manifesta senza alterazioni dell’equilibrio elettrolitico dell’organismo. Per la delicatezza della sua azione, unita a una notevola capacità di eliminare i cloruri, è particolarmente adatto a chi soffre di nefrite.Indicato in tutte le conmdizioni con alterazioni dei meccanismi che regolano gli scambi di liquidi a livello dei capillari ematici e linfatici, viene utilizzato anche coe coadiuvante nei trattamenti anticellulite poichè contrasta la ritenzione idrica. L’incremento della diuresi, alla quale partecipano flavonoidi e saponine, semra la conseguenza dell’aumentata eliminazione di cloro, sodio e potassio. In alcuni studi è risultata un’azione disintosiccante nei confronti del piombo, per la quale può essee indicato nei programmi depurativi nei disturni reumatici e dermatologici. L’equiseto è in grado di aumentare il volume (fino al 70%) e l’acidità delle urine, parametri importanti per contrastare infezioni delle basse vie urinarie, perciò è indicato in caso di infezioni di ureteri, vescia e uretra, nonchè nei disturbi prostatici, ma anche per favorire l’espulsione di piccoli calcoli renali.
  • PELLE e ANNESSI CUTANEI. Il silicio è un elemento strutturale del tessuto connettivo ed entra nella costituizione delle principali macromolecole quali elastina, collagene, proteoglicani e glicoproteine, delle quali promuove il rinnovamento. Un suo contenuto ottimale nell’organismo è quindi fondamentale per idratazione elasticità e rigenerazione cellulare cutanea, in grado di rinforzare capelli e unghie.

E’ una pianta amica delle donne soprattutto nel periodo della menopausa perchè:

  • combatte l’osteoporosi,
  • stimola il collagene, rendendo la pelle più tonica ed elastica
  • tonifica i tessuti ed è un protettivo delle vene
  • drena la linfa e aiuta ad eliminare i liquidi in eccesso

78359084 - fresh and dried field horsetail

Utile in caso di:

  • REMINIRALIZZAZIONE
  • OSTEOPOROSI
  • RACHITISMO
  • POSTUMI DI FRATTURE OSSEE
  • UNGHIE E CAPELLI FRAGILI
  • RIDOTTA DIURESI
  • INFEZIONI URINARIE (cistite, cistopieliti, uretriti..)
  • PROSTATITI
  • ENURESI NOTTURNA
  • ANEMIE IPOCROMICHE
  • CAPILLAROPROTETTIVA,
  • RIPARATRICE TESSUTALE
  • EMORROIDI, MENORAGGIE, METRORAGGIE
  • EPISTASSI
  • FERITE
  • LESIONI GENGIVALI, STOMATITI (per uso topico)
  • ULCERE VARICOSE (uso topico)
  • POLIPOSI NASALE (usto topico)
  • CELLULITE
  • MIGLIORA L’ASPETTO DELLA PELLE E ANNESSI CUTANEI (capelli e unghie)

Principi attivi:

  • sali minerali: ac. silicico (5-8%), calcio, magnesio, manganese, potassio.
  • flavonoidi,
  • steroli,
  • acido caffico, ac. ferulico, tracce di alcaloidi ( nicotina, palustrina, 3-metossipiridina)

Posologia:

  • estratto secco di Equiseto:2 cps al giorno
  • estratto idroalcolico: 45gtt 3 volte lontano dai pasti.
  • infuso: 1 cucchiaio di tisana in 1 tazza d’acqua bollente , lasciare in infusione coperto per 15 minuti. Filtrare e bere 2-3 volte al giorno.

Precauzioni:

Per le gestanti e i bambini al di sotto dei due anni. I bambini e gli anziani dovrebbero iniziare con dosaggi bassi e aumentarli gradualmente. in rari casi l’erba puo dare diarrea e disturbi digetivi.  L’equiseto può essere controindicata in gravidanza.Può interagire con i diuretici e attenzione in caso di insufficienza renale e durante l’assunzione di farmaci per l’ipertenzione.

Visita lo SHOP-ON LINE di Semi di Luna!
logo_erboristeria_sito071

Save

Save

Save

Save

Save